Per cinque mesi gli alunni della terza classe dell’indirizzo socio-sanitario hanno affiancato volontari e operatori

SIENA. Si è concluso oggi, venerdì 24 maggio il progetto di alternanza scuola – lavoro promosso dall’Istituto professionale G. Caselli, in collaborazione con Le Bollicine, che ha visto la partecipazione dei ragazzi della classe terza dell’indirizzo ‘Socio Sanitario’. I ventiquattro alunni, sotto la guida dell’insegnante Giacomo Vigni, responsabile dell’alternanza scuola – lavoro dell’Istituto G. Caselli, sono stati coinvolti nelle attività sportive e sociali promosse da Le Bollicine in favore dei disabili, sia presso la sede della scuola che all’interno del maneggio. Da gennaio a maggio, per un totale di 86 ore, nell’ambito del ‘Bando Volver’, i ragazzi dell’Istituto G. Caselli hanno affiancato operatori e volontari più esperti in un progetto di riabilitazione equestre e agricoltura sociale.

“I nostri alunni – afferma Giacomo Vigni, insegnante – hanno messo il loro entusiasmo e il loro impegno lavorando, fianco a fianco, con gli operatori e i ragazzi diversamente abili de Le Bollicine e affiancandoli nei vari momenti della giornata: dalla cucina al maneggio, fino allo svolgimento di attività ludico – ricreative. Si conclude così, con successo e grande partecipazione, questo progetto di alternanza scuola – lavoro, rivolto ai ragazzi della classe terza indirizzo Socio – Sanitario e pensato per affiancare al sapere il saper fare, intensificando i rapporti della scuola con il territorio, con il mondo del lavoro e dei servizi. Un grazie particolare a Le Bollicine, alla presidente Paola Bisconti che hanno ospitato i nostri alunni e alle colleghe Anna Trisciani e Silvia Celeghin che mi hanno affiancato in questo percorso”.

“Un grazie – spiega Letizia Cambi, referente del progetto per Le Bollicine – ai ragazzi e al tutor scolastico, Giacomo Vigni che hanno lavorato in questi mesi insieme ai nostri operatori e volontari. Queste esperienze possono far maturare, ancora di più, nei giovani la voglia di svolgere una professione e di avvicinarli al mondo del sociale e del sociosanitario, rendendoli consapevoli che nel nostro ambito non bastano solo le conoscenze tecnico-scientifiche, ma servono competenze relazionali e di empatia che permettano di riconoscere il valore dell’altro, nella ricchezza della diversità”.

Info. Per conoscere tutte le attività dell’Associazione Le Bollicine è possibile contattare l’ufficio in via Franciosa 57, Siena, telefonare ai numeri 0577 286335, al 329 6903013 o inviare un’email all’indirizzo [email protected]. È possibile seguire l’Associazione Le Bollicine di Siena anche sul sito www.bollicine.org, o seguire i canali social Facebook e Instagram.