Siena. Ragazzi dell’Istituto Marconi di Siena, nei giorni scorsi, si sono recati in visita ad Auschwitz. Davide Petriglia,   Salvatore Minneci, Bartolomeo Marsicano, Alessandro Giotti, Giacomo Mazzitelli, Manuel Dolce, Cristopher Jesus Borgianni, Andrea Fazzini, accompagnati dal Prof.Emanuele Corti hanno scritto alcune riflessioni sulla visita:”Viaggio che ci ha portato a  contatto con una realta’ terribile. Abbiamo sentito Auschwitz, Birkenau come luoghi solo di morte.Abbiamo visto teche contenenti migliaia di scarpe, “montagne” di capelli, un numero enorme di occhiali, valigie di varie grandezze. Le molte foto esposte hanno messo tanta angoscia, disperazione interiore ed esteriore, ci siamo chiesti come lo uomo, in preda all’ odio, possa arrivare a pensare e commettere simili atrocita’.In quei luoghi abbiamo sentito tanto freddo esteriore ed interiore…”Gli altri prigionieri di Auschwitz popolano la mia memoria della loro presenza senza volto e se potessi racchiudere in un’immagine tutto il male del nostro tempo, sceglierei questa immagine,che mi e’ familiare: un uomo scarno, dalla fronte china e dalle spalle curve, sul  cui volto e nei cui occhi non si possa leggere traccia del pensiero” (Primo Levi)