Siena. “Claudio Cerretani (In Campo) ha riportato all’attenzione del Consiglio Comunale i disguidi relativi verificatisi in merito alla fornitura dei libri di testo agli alunni delle scuole primarie. Il consigliere, dopo aver ripercorso i vari passaggi burocratici relativi all’affidamento della fornitura e riportata la risposta dell’assessora Clio Biondi Santi fatta durante la seduta consiliare dello scorso 27 settembre ha chiesto <<Se e come sia stato monitorato il processo di compilazione degli elenchi da parte delle scuole e il procedimento contrattuale per la consegna dei testi; se all’inizio dell’anno scolastico sia stato controllato che questi fossero stati consegnati; e se si è conclusa, e quando, la consegna. Oppure, in caso contrario quali risultano essere le scuole ancora scoperte ed i tempi previsti per la consegna>>. L’assessora all’Istruzione Clio Biondi Santi ricordando come <<Determinate scelte e tempistiche siano state volute dalla precedente Amministrazione>>, ha informato il consesso <<Che il monitoraggio non è mai venuto meno>>. In data 11 ottobre, infatti il dirigente del Servizio, Casprini, ha inviato una prima richiesta ufficiale di chiarimenti, alla quale ne è seguita un’altra il 16 con un sollecito scritto ad adempiere. Non ottenendo risposte definitive in data 26 ottobre è stato proceduto con un atto di contestazione: una diffida, nella quale si intimava il fornitore a quanto ancora non evaso, applicando, in caso contrario, le penalità ex art. 9 del capitolato. L’assessora nel sottolineare che ha, quindi, tenuto fede ai tempi di azione anticipati durante il Consiglio comunale del 27 settembre <<Per la volontà di risolvere il problema, che è stata sempre primaria a prescindere di chi fossero le inadempienze, sia riguardo alla gara, sia per la consegna>>. <<L’Amministrazione – ha proseguito – ha provveduto al controllo della consegna dei libri ad inizio anno, basandosi, ovviamente, sulle scuole che avevano compilato e inviato gli allegati alla ditta fornitrice. Su questo punto, tra l’altro, Fidenia, la ditta fornitrice, cerca di basare le sue difese, denunciando forti ritardi nella consegna o errori di compilazione degli elenchi da parte delle segreterie. Stiamo indagando sulla questione, anche se la cosa non ha nessun risvolto sulla risoluzione del problema>>. Precisando che l’Amministrazione deve agire in ossequio agli articoli del capitolato e alle leggi in materia, Biondi Santi ha rimarcato <<la solerzia nell’esperire tutto ciò che le norme concedono per eliminare un disagio che ci coinvolge totalmente, come amministratori, cittadini e genitori>>. Per quanto riguarda il completamento della consegna, da un controllo con le segreterie scolastiche risultano <<18 libri ancora da consegnare per i residenti del nostro Comune, 2 per Sovicille, 6 per Monticiano, 5 per Monteroni e 10 per Castelnuovo Berardenga>>. <<Tralasciando le iniziative di varia natura che verranno attivate nei confronti della ditta fornitrice – ha concluso – per il prossimo anno scolastico sarà cura di questa Amministrazione impostare nuove regole e tempistiche per la consegna degli elenchi dei libri, in modo che qualsiasi inadempienza del fornitore non possa, in alcun modo, essere mitigata da mancanze o ritardi a noi anche indirettamente imputabili>>.

Cerretani, nel prendere atto della risposta ricevuta ha auspicato che per il prossimo anno scolastico la situazione non si ripeta.

Ufficio Stampa Comune di Siena