Documento circostanziato di Confesercenti ai Sindaci dell’area dove le feste si moltiplicano.Nella stagione estiva in ogni Comune da un minimo di 80 fino a  160 giornate di somministrazione”

Siena. Riceviamo e pubblichiamo:”Sagre e feste paesane sono nate in passato per motivi lodevoli. Ma in questi annisi è perso il controllo e questa concorrenza sleale porta danni economici pesantiper le attività economiche. Chiediamo apertamente che la vostra Amministrazione si faccia carico delle proprie responsabilità”. E’ un passo della lettera aperta che Confesercenti ha appena inviato ai Sindaci dei comuni d’area Chiana e Trasimeno. I primi cittadini di Castiglion del Lago, Chiusi, Città della Pieve, Sinalunga e Torritaricevono in questi giorni un ampio e circostanziato documento che riprende ed enfatizza l’allarme già espresso in passato: “secondo i nostri calcoli, nella stagione estiva ognuno di questi comuni autorizza da un minimo di 80 ad un massimo di 160 giornate di somministrazione alimenti e bevande in forma ‘allegra’ – afferma Attilio Rapicetta, responsabile d’area per Confesercenti – e la gran parte di queste iniziative non ha più attinenza con la tradizione alimentare e ricreativa del territorio che le ospita. Sono mere scuse per finanziare altre attività, contando sulla corsia preferenziale dei patrocinii e degli adempimenti agevolati, anzi pressoché assenti, a dispetto di tutto quanto sono chiamati ad adempiere gli imprenditori che di queste attività fanno una ragione di sostentamento continua, per sé e per i propri dipendenti”.

 

La lettera aperta sulle sagre inviata ai Sindaci da Confesercenti è corredata di un “sommario elenco” (circa 40 voci) delle pratiche autorizzative e di esercizio cui le imprese di somministrazione sono tenute per ragioni sanitarie, fiscali o burocratiche. “Non adempiere a certi accorgimenti in materia sanitaria all’interno del ristorante pregiudica la salute del consumatore esponendoli a rischi tali da comportare sanzioni salate o addirittura la sanzione – si legge nel documento – se è vero che su tutto questo nelle sagre si può sorvolare, ci chiediamo: questo perché in quelle occasioni le difese immunitarie automaticamente si alzano?”

 

Il documento di Confesercenti si completa con un elenco di punti sul quale elaborare una seria bozza di regolamento da adottare a livello comunale, “nell’interesse degli imprenditori, dei cittadini e di chi ancora organizza feste paesane secondo lo spirito che dovrebbero avere”. per Confesercenti la mancanza di iniziative regionali  non giustifica il lassismo da parte dei Comuni: “prima che della Regione, la tutela dei cittadini è di competenza delle rispettive amministrazioni comunali. E non solo in fase elettorale”.

 

 

 

 

Qui il testo della lettera aperta inviata ai Sindaci.

 

 

Immagine allegata: alcuni manifesti di sagre allestite tra Toscana e Umbria.