L’Archeodromo di Poggibonsi, unico esempio in Italia di open air museum, si è aggiudicato, grazie al voto dei cittadini, il concorso Art Bonus dell’anno promosso da Ales S.p.A, società inhouse del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, in collaborazione con LuBec – Lucca Beni Culturali.

L’art bonus non è solo un bonus fiscale, ma anche un’opportunità per i cittadini di valorizzare il proprio territorio e condividere valori con le istituzioni che li rappresentano. L’ambito riconoscimento nasce per premiare l’impegno di coloro che, beneficiari e mecenati, rendono possibile il recupero e la valorizzazione del patrimonio culturale del Paese. L’archeodromo di Poggibonsi è un museo esperienziale che, fin dalla sua inaugurazione, ha subito ottenuto numerosi consensi, sia da parte di singoli visitatori provenienti da tutta Italia, sia da parte dei cittadini di Poggibonsi, sia da parte delle scolaresche. Inaugurato ad ottobre 2014, garantisce una modalità di fruizione esperienziale per tutti, grazie all’approccio scientifico innovativo proposto, una vera e propria full immersion in un villaggio carolingio dell’Alto Medioevo. L’archeodromo di Poggibonsi ha già all’attivo altri due importanti riconoscimenti: il premio Riccardo Francovich conferito dalla Sami (Società degli Archeologi Medievisti Italiani) e il premio Italia Medievale conferito dalla ACIM, Associazione Culturale Italia Medievale. Nel corso della cerimonia di conferimento del premio, avvenuta a Poggibonsi il 22 febbraio 2017, Marco Valenti, Direttore Scientifico del Parco Archeologico e Archeòdromo, ha voluto ricordare le peculiarità di questo sito che fa letteralmente impazzire gli scolari del territorio e i cittadini poggibonsesi: “Questo museo open air mantiene il rigore scientifico tradotto però in comunicazione e narrazione. Questo sta portando a un risultato molto bello in termini di sentire della popolazione. Si sta sviluppando da parte di tutti i cittadini poggibonsesi, un sano senso di identità e di appartenenza, un orgoglio che li unisce tutti”. A ricevere la targa sono stati Archeòtipo srl, il Comune di Poggibonsi e l’impresa Edil Co. s.r.l. che in qualità di mecenate ha effettuato l’erogazione liberale a favore di questo progetto. Grazie all’ArtBonus è stato possibile effettuare un intervento straordinario di una delle strutture principali del villaggio danneggiata dalle intemperie e un intervento di recupero della cinta muraria della Fortezza, di cui l’archeodromo fa parte.