Quest’anno con il nostro Clan abbiamo affrontato i problemi che ci sono nel nostro Paese sulle unioni civili ed in particolare sulle unioni gay. Ci è sembrato un argomento particolarmente interessante perché tali unioni sono state legalizzate mediante la legge che è stata approvata questa primavera.

scout-1

Il Clan si è trovato abbastanza diviso sull’argomento e, soprattutto all’inizio, c’era molta confusione in merito. Per prima cosa, quindi, ci siamo informati su tutta la legislazione intorno al tema ed in particolar modo sul DDL Cirinnà.

Non ci siamo fermati solo a questo: abbiamo anche voluto ascoltare chi, nella campagna intorno a questo DDL è stato il vero protagonista. Abbiamo chiamato due persone particolarmente attive sul nostro territorio, di idee opposte (una “Sentinella in piedi” e un esponente di SEL) che ci hanno spiegato il loro pensiero, che hanno risposto alle nostre domande e ci hanno dato un quadro ampio e articolato della questione.

Ovviamente queste testimonianze hanno fatto discutere molto il Clan perché ognuno si era fatto un’idea diversa, come è giusto che sia su un argomento così complesso.

Tutti, però, abbiamo individuato quattro concetti fondamentali che fanno da cardine a questo enorme dibattito che sono Matrimonio, Famiglia, Amore e Diritti. E così li abbiamo sintetizzati in alcune definizioni che riuniscono il pensiero dei membri del Clan. Ne riporto solo una: “Amore è dedizione appassionata atta a creare un legame semplice e disinteressato basato sul compromesso fra le parti. Necessario ai fini della relazione il donarsi all’altro per creare una vita”.

Non sarà sicuramente la definizione più bella e corretta di Amore, ma sicuramente rappresenta il meglio che ogni ragazzo del clan ha saputo esprimere. E forse la cosa che abbiamo imparato di più in quest’anno è che, se lavoriamo insieme, se non abbiamo paura di scontrarci per poi tornare uniti, allora anche le visioni più diverse e contrapposte possono trovare un compromesso.

Il nostro auspicio, quindi, è che anche nelle sfere più alte dello Stato, soprattutto su argomenti così importanti, si possano sempre trovare in modo pacifico punti in comune a idee tra loro contrapposte, così da permettere a tutti i cittadini di vedere riconosciuti i loro diritti, senza calpestare quelli degli altri.

Clan “La Grande Quercia”

(Gruppo Scout Siena 3)