Visionaria Film Festival Appuntamento a novembre.

CINEMA: Aperta la selezione di cortometraggi su “L’arte, la resistenza, la fuga”.

0
450

“L’arte, la resistenza, la fuga” è il tema scelto per la edizione 2016 di Visionaria International Film Festival. Un tema forte e di grande attualità per il festival in programma dal 5 al 12 novembre a Poggibonsi e San Gimignano (Siena).

“Visionaria negli ultimi anni ha davvero confermato la propria vocazione internazionale, ricevendo cortometraggi da tutto il mondo – dice il nuovo direttore artistico Giuseppe Gori Savellini – . Anche per il 2016 puntiamo ad un numero di film alto e soprattutto rappresentativo di culture e paesi differenti, siamo sempre riusciti a dare voce a cinematografie nuove e stili innovativi grazie appunto ad un concorso che non ha mai posto limiti tematici”. Il bando per partecipare alla Competizione internazionale aperta ai cortometraggi provenienti da tutto il mondo, è già online e gli autori hanno tempo fino al 30 settembre per iscriversi attraverso la piattaforma FilmFreeway (https://filmfreeway.com/festival/visionaria) e aggiudicarsi il montepremi di 1.000 euro. Mentre per il regolamentosi può consultare la pagina http://visionaria.eu/it/1317/visionaria-23-bando-di-concorso-2016.htm sul sito www.visionaria.eu.

Tre le sezioni in gara: “Competizione internazionale” è la sezione “storica” di Visionaria per la quale gli autori potranno proporre cortometraggi di fiction, documentari, docu-fiction, animazioni senza un tema predefinito con cortometraggi in qualsiasi lingua, purché sottotitolati in inglese o italiano. Torna anche la sezione dedicata alla “Vision Art”, arti visive in movimento (9a edizione), riservata ad opere di videoarte, sperimentazione digitale, computer animazione ecc. Anche in questo caso, il tema è libero e gli autori possono esprimersi con la massima libertà. Le opere selezionate faranno parte di una mostra all’interno del Festival e saranno giudicate da una giuria specifica di esperti di linguaggi artistici contemporanei.

Torna anche, dopo il fortunato debutto dello scorso anno, la sezione speciale “Food and Water” creata in collaborazione con l’Università di Siena per cortometraggi internazionali sia di fiction che documentari sul tema “Il cibo e l’acqua”. Questa sezione sarà valutata da una giuria ad hoc e la premiazione avverrà nella primavera 2017.

“Questa ventitreesima edizione si terrà in un territorio, quello della Val d’Elsa senese, che negli ultimi anni ha puntato molto sul cinema (basti pensare al progetto di multisala naturale promosso dalla Fondazione Elsa e dal Comune di Poggibonsi) – aggiunge Gori Savellini – ed in generale sui linguaggi contemporanei e con queste premesse non potevamo che incrociare le nostre strade. Il tema delle riflessioni e delle serate speciali che comporranno il festival partono proprio dal mondo dell’arte e di come questa possa essere – ieri come oggi ed ad ogni latitudine – una forma di resistenza”.

Visionaria Festival è reduce dal successo della rassegna Fuori Fuoco – Il mestiere dell’attore che nel mese di agosto ha portato il cinema d’autore in tanti luoghi della provincia di Siena, sempre abbinando la proiezione della pellicola ad incontri con attori, registi, protagonisti e a cortometraggi della immensa videoteca costruita in tanti anni di attività.