“La mia vita sempre di corsa”.

Michele Stabile, senese doc. Contrada, lavoro e sport: addetto al fantino nell’Aquila, proprietario di un noto pub in centro, istruttore Brazilian Jiu-Jitsu, e motociclista. Impegnato su più fronti e sempre in attività.

0
630

Nella tua vita quali le priorità?

“Innazitutto il lavoro: ho la fortuna di essermi scelto il lavoro che faccio e la ulteriore fortuna di farlo sempre con entusiasmo dopo 18 anni: il Maudit è il locale più longevo di Siena. Poi lo sport, la continua, incessante ricerca dell’adrenalina: 500 lanci di freefly col paracadute, 16 anni di agonismo nel Karate, adesso nel Brazilian Jiu-Jitsu e 9 anni di gare di motociclismo velocità lo dimostrano. Il Jiu-Jitsu occupa la mia quotidianità, allenarmi mi serve anche per prepararmi alle gare con la moto e cerco nel frattempo con l’attività di istruttore di far conoscere questa meravigliosa arte marziale. L’Aquila: la contrada per me è come un organo del mio corpo, che, se non ci fosse, sarebbero guai. La moto: purtroppo ha un utilizzo limitato, causa il tempo per organizzare un test e per gli alti costi”.

Dove trovi il tempo di fare tutto?

Sono sempre alla ricerca di cose da imparare. Il mio segreto? Lavoro la notte e mi sveglio presto, quindi dormo poco”.

Raccontaci la tua storia di motociclista. Come è nata la passione? Quali sono i tuoi successi più importanti? Parlando di Moto GP, chi è il tuo idolo?

“La mia storia di motociclista nasce da un babbo medico che andava a fare le visite a domicilio con un Guzzi 650 e che mi portava con sé, io guidavo qualsiasi cosa mi mettessero tra le mani, così mi fu comprato un Erivara 50 da Cross alla veneranda età di 6 anni. Ho fatto gare di mini Cross, di Enduro, gare in salita con la 125 due tempi di nascosto a mio padre, partendo zaino in spalla all’età di 16 anni, ma la vera passione per la pista purtroppo l’ho trovata tardi, a 36 anni. Una grande passione che si è trasformata in un’attività semiprofessionistica. La mia moto è gestita dalla Loggini Moto di Colle Val d’Elsa. Il mio team è composto da: Marco Vieri, Fabio Reale, Claudio Vieri, Alessandra Mancini e Tania Terrosi. Il successo più importante è stata indubbiamente la vittoria al Mugello. Il miglior piazzamento in campionato e’ stato nel 2013 con un secondo posto in campionato nel Trofeo Italia. Valentino Rossi è il mio idolo, credo che abbia dimostrato e stia ancora dimostrando di meritare il suo posto nella MotoGP moderna”.

Quali i tuoi prossimi appuntamenti?

“Sarò impegnato il 28 di agosto al Mugello nella categoria 1000 PRO del trofeo italiano amatori.

Ho il diabete quindi, sia in allenamento che in gara, devo impegnarmi con maggiore sacrificio, ma alla fine la determinazione mi ha regalato buoni risultati. Faccio tutto ciò che faccio, spinto dalla continua ricerca di migliorare me stesso, come atleta e come uomo!”

IMG-20160809-WA0002