Siena città universitaria a misura di studente? Prosegue l’indagine di #Siena sul mondo degli affitti e degli studenti universitari. Nel numero precedente un’inchiesta sugli affitti. Su questo numero abbiamo, invece, fatto un giro tra i ragazzi universitari fuorisede che vivono a Siena. Migliaia di studenti universitari sono passati per Siena in tanti decenni e le domande sono sempre le stesse: Siena è una città a misura di studente? Quali svaghi offre? Cosa funziona e cosa no? C.C. afferma: “Vengo dalla provincia di Viterbo, ho terminato il terzo anno di Giurisprudenza, quindi sono tre anni che vivo in questa città: beh, che dire, Siena è una cittadina che invoglia molti studenti come me a trasferirvisi, in primis per l’eccellente servizio universitario che offre, in secundis per la tranquillità che garantisce. Questo è sicuramente un merito, ma vivendo la città a pieno si comprendono anche quali sono le sue mancanze. La prima cosa che mi viene in mente è il canone troppo alto degli affitti; capisco che il centro storico di Siena sia diventato patrimonio dell’Unesco, ma ciò, a parer mio, non autorizza i rispettivi proprietari a proporre appartamenti fatiscenti a prezzi esagerati nella convinzione e presunzione che tanto studenti cui affittarli si trovino sempre. Come dicevo, la qualità dell’Università rappresenta per uno studente una delle maggiori attrattive di Siena, ma ormai le tasse ogni anno sempre più esageratamente elevate, in aggiunta alla crisi economica che purtroppo impedisce a tante famiglie di mandare i propri figli all’Università o comunque costringe a compiere consistenti sacrifici, inducono tanti studenti a non scegliere questa città per completare i propri studi, ma a trasferirsi in città decisamente meno dispendiose che, in fin dei conti, offrono lo stesso servizio. Capisco che il motivo per cui ci trasferiamo a Siena sia studiare, ma sarebbe bello coniugare questo dovere con svaghi che, ahimè, questa città non offre. È stupendo passeggiare per il corso e starsene sdraiati ad ammirare Piazza del Campo, ma questo il primo giorno, il secondo… il primo mese, ma non tutto il tempo! Sembra inconcepibile che una città che accoglie turisti da tutto il mondo non offra locali che sappiano organizzare qualcosa di decente, se non il classico bar dove prendersi qualcosa da bere dove trascorrere gran parte della serata. Concludo affermando che Siena, nonostante il suo fascino e l’incredibile potenziale ancora da sfruttare al meglio, rimane una “città a prova di Senese” che non ha ancora ben appreso l’idea di essere una città universitaria, rimanendo così mobilitata per quelle che sono le sole istanze del Palio e dei suoi abitanti”.

Pag. 8 Vivere a Siena da studenti fuorisede 2S.P. , viene da Cosenza, ha frequentato il quarto anno di Medicina e chirurgia, quindi sono quattro anni che vive a Siena: “Ho scelto Siena per via del punteggio medio del test di medicina, che mi avrebbe consentito di entrare con maggiori probabilità che a Firenze (città che, altrimenti, sarebbe stata la mia prima scelta). Oltre a ciò, ulteriori motivi che mi hanno portato a prediligere Siena rispetto ad altre città sono stati il buon nome dell’università e il fatto che sia comunemente ritenuta ‘una città a misura di studente’. Dal punto di vista prettamente universitario è un’ottima città: abbastanza silenziosa (per la maggior parte dell’anno) e a piedi ci si può spostare quasi ovunque. I trasporti lasciano molto a desiderare: il prezzo degli abbonamenti lievita di anno in anno; il numero di corse (specialmente serali) non è assolutamente adeguato alle esigenze degli studenti, soprattutto in relazione all’aumento degli abbonamenti. Gli affitti in centro sono abbastanza esosi rispetto alla qualità media delle case offerte. Gli affitti lontani dal centro sono meno costosi, ma spostarsi risulta spesso poco agevole. In generale è una città cara e scarseggiano i negozi di abbigliamento/accessori con prezzi accessibili agli studenti. Lo stesso vale per le palestre, a parte quelle convenzionate con il DSU. Per quanto riguarda gli svaghi, la città certamente non brilla per varietà di locali/cinema/attività a prezzi agevolati per studenti; sicuramente non è alla pari di altre città universitarie d’Italia simili per dimensioni e numero di fuorisede ospitati. In conclusione Siena si presenta come una città perfetta per lo studio, la concentrazione e la qualità dell’offerta universitaria. Molti altri aspetti che toccano da vicino gli studenti fuorisede dovrebbero essere migliorati, anche in considerazione dell’enorme contributo economico che questi apportano alla città”.

Liliana Forte, calabrese, viene da Spezzano Albanese, ha appena terminato il terzo anno di Giurisprudenza, vive a Siena da tre anni: “Siena. Città meravigliosa, d’arte e di cultura. Ed è proprio questo uno dei motivi per cui ora sono qui. Sin dalla prima volta che sono venuta a visitare questa città, parecchi anni fa, ha rapito il mio cuore. La bellezza che emana e che si respira in ogni angolo della città è favolosa, letteralmente mozzafiato, davvero preziosa nel suo splendore. Certo, è più raccolta rispetto ad altre città universitarie come Firenze o Milano, ma è proprio questo che, a mio avviso, la rende unica. Una città a portata d’uomo e di studente. Ogni posto, o quasi, è facilmente raggiungibile a piedi, non è caotica e dispersiva. Così, anche per chi è alle prime armi, come me al primo anno in cui ho iniziato il mio percorso accademico, è perfetta. Il clima che si capta per le strade è di tranquillità e storia, storia di una città in cui il Palio è tradizione ben radicata e trasmette perfettamente la cultura Senese. Vedere sfilare tutte le contrade per le vie del centro è un vero spettacolo, ogni volta imperdibile. La qualità della vita è ottima, ed è anche per questo che il costo di una stanza per studenti è più elevato, come anche il costo della vita in generale, facendo il paragone con altre città. L’Università è il primo motivo che mi ha spinta a scegliere Siena: è molto ben organizzata, non a caso la facoltà di giurisprudenza è ancora una volta, per la quinta consecutiva, prima in classifica Censis. Per quanto riguarda lo svago e il tempo libero Siena offre molte opportunità, sebbene, di certo, non al pari di altre grandi città. I locali carini e i posti giusti comunque non mancano per chi cerca divertimento. Insomma, da studentessa fuori sede, posso ritenermi soddisfatta della scelta che ho fatto… E poi stendersi sulla stupenda Piazza ed ammirare l’incanto da cui si è circondati è una sensazione magnifica, indescrivibile, tutta da scoprire e da vivere”.