Il rugby senese si presenta ai blocchi di partenza della stagione 2015/2016 con grandissimo entusiasmo; durante l’estate infatti la dirigenza senese ha risolto alcune criticità e l’organigramma tecnico delle squadre senesi è stato riequilibrato in modo da avere uno staff che, sulla carta, appare davvero ben strutturato.

Come d’abitudine i maggiori investimenti di CUS Siena e Siena Rugby Club sono stati effettuati nel settore giovanile, confermando il trend delle ultime stagioni.

Le squadre seniores, maschile e femminile, si presentano all’avvio dei rispettivi campionati con buone potenzialità, la Under 18 ha finalmente risolto i problemi di numeri che l’anno scorso hanno pesato moltissimo, la Under 16 ha fallito per un soffio la promozione nel campionato di élite nazionale, la under 14  deve confermare quanto di buono mostrato negli ultimi anni, così come il minirugby in cui, nelle categorie Under 6 ed Under 8, si è registrato un grande incremento delle presenze.

Per quanto riguarda la comunicazione il rugby senese negli anni ci ha abituato a dei piccoli miracoli ma quest’anno onestamente, a livello mediatico, i cussini hanno “pescato il chicchero”! Per una serie di circostanze incredibili infatti i cussini ed il “Mitico Sabbione”, il sempre meno fruibile campo da gioco all’Acquacalda, sono stati protagonisti niente meno che … alla Rugby World Cup 2015 svoltasi a cavallo tra settembre ed ottobre in Inghilterra!
Land Rover, main sponsor della Coppa del Mondo, ha infatto scelto Siena ed il suo campo da rugby per ambientare uno dei filmati di promozione dell’evento. Con grande stupore di tutto il rugby italiano, alla partita di debutto del torneo, sui maxischermi dello stadio gremito all’inverosimile, a pochi minuti dal calcio d’avvio, è stato proiettato un filmato che si apre con Andrea “Nello” Guadagno che calcia il pallone al Sabbione, prosegue con immagini di gioco registrate in giro per il mondo, e mostra diversi spezzoni girati a Siena.

Tutti gli amanti del rugby mondiale hanno così visto la corsa dei cussini in piazza del Duomo, una serie di placcaggi nel fango ed altre immagini girate a Siena.

Il tutto mentre sui maggiori quotidiani sportivi mondiali comparivano immagini del pack di mischia cussino a pubblicizzare la RWC per la campagna #WeDealInReal, che dimostra il supporto del marchio inglese dal rugby di base fino ai palcoscenici internazionali.

Nei giorni successivi in 22 paesi al mondo è andato in onda in tv e sui maggiori portali sportivi un secondo filmato interamente girato a Siena che mostra esclusivamente il pessimo campo senese.

I rugbysti senesi sono stati quindi oggetto di una serie di articoli sulla stampa specializzata, il più toccante dei quali, uscito dalla penna dell’ottimo Marco Pastonesi, per decenni una delle firme di punta della Gazzetta dello Sport, sottolinea il fatto che Dario Perondi, capitano della squadra senese, sarà l’unico giocatore italiano che sarà visto da tutti i presenti a Twickenham per la finale della Coppa del Mondo!

L’ambiente ovale senese spera che questa consacrazione a livello globale come “campo peggiore al mondo” riesca finalmente ad avviare una serena analisi con l’amministrazione comunale ed universitaria per porre rimedio alla situazione che, ad oggi, sta tarpando le ali ad un movimento genuino che porta orgogliosamente la balzana ed il profilo di Siena su ogni maglia da gioco.