Cosa significa veramente essere un danzatore? Dovrebbero esserci delle informazioni obbligatorie che un maestro deve dare a chi frequenta, vive, pratica la danza?
Cerco più volte di portare l’attenzione delle mie allieve, anche piccole (i bambini sanno e comprendono molto più di quello che si possa pensare) sul concetto di PASSIONE. Patior: soffrire, patire, provare. Questo termine ci riporta certo al Cristo e al Suo altissimo Patior, esempio purtroppo ignorato per l’umanità ma questa è un altra storia…

Il Patior ha cambiato il suo significato nei secoli, o meglio, si è arricchito di significato ed è diventato un concetto spesso legato all’amore e alla piacevolissima sofferenza che provoca la sensazione di non arrivare mai a possedere e a conoscere veramente l’oggetto del proprio desiderio irrazionale. E nonostante questo, inseguirlo e volerlo senza poter pensare di farne a meno: questo è quello che serve per diventare ed essere un danzatore, non c’è decisione, non c’è scelta: il demone della danza si impossessa di noi proprio come quello dell’amore e noi non possiamo fare altro che soggiacere a questo destino crudele e dolcissimo. Impossibile stare lontano dall’amata sala prove, scuola, studio, per troppo tempo: impossibile non impegnarsi più tempo possibile, ogni giorno per raggiungere l’irraggiungibile: non esiste un traguardo nella danza, come in tutta l’arte, quella vera. Esiste un sacrificio consapevole, appagante, irrinunciabile a cui però bisogna avere il coraggio di abbandonarsi. Presa coscienza del proprio talento, non tutti sono in grado di farlo. Ho avuto allieve fantastiche che ad oggi potrebbero essere state grandi danzatrici ma non hanno avuto il coraggio di farlo, perché essere artisti “non ti integra nella società ma ti mette un gradino sotto”. Molti bambini che si avvicinano alla danza pensano di voler diventare famosi, ma al vero danzatore non interessa il successo ma solo la danza. Questo concetto apparentemente banale è alla base di tutto. A questo punto si può riflettere su cosa sia fare danza ed essere danza.