Sono i primi di settembre 2014 quando per la Serie D della Mens Sana inizia la nuova annata pallavolistica.  Una squadra, composta da veterane e new entry, scende in campo e realizza la prima vittoria. Sarà la prima di una lunga serie che porterà le ragazze biancoverde a conquistare la promozione in un campionato non facile. All’inizio del girone di ritorno le ragazze perdono un po’ di lucidità e portano a casa qualche sconfitta (nessuno è infallibile, no?), ma non demordono e la Mens Sana continua a lottare per la vetta della classifica, e ritrovando fiducia, passa l’ultimo mese oscillando tra i  primi posti in graduatoria. La squadra sale sul podio raggiungendo il secondo posto. Ottimo risultato certo, ma insufficiente ad ottenere la promozione diretta. La grinta, l’agonismo e l’essere una cosa sola in campo sono gli elementi fondamentali che permettono alle ragazze di affrontare nel migliore dei modi i playoff, che portano le nostre “citte”alla tanto agognata (e sudata) serie C. “Come in tutti gli sport di squadra abbiamo avuto degli alti e bassi. Per me è stata la seconda promozione in serie C, e siccome questo potrebbe essere uno dei miei ultimi anni pallavolistici, ha avuto un significato particolare.- racconta Lizzie Nocchi, una delle giocatrici promosse – . Ho ritrovato vecchie compagne di spogliatoio con cui è stato bello rivivere certe emozioni, e ovviamente è stato stupendo condividere questa esperienza anche con le nuove ‘leve’. Sono contentissima di aver raggiunto questo obiettivo e che, affrontate tutte le difficoltà, insieme, siamo state complici nel realizzare un altro grande sogno.”